In questo blog troverete le mie personali esperienze con il mondo della birra, della panificazione, della pasticceria e del formaggio... e molto altro!


giovedì 29 dicembre 2011

Costruzione pentola motorizzata





Finalmente ho ultimato la pentola motorizzata e posso raccortarvi la mia esperienza.

E' stata dura, sopratutto perchè ho dovuto lavorare con l'acciaio inox.


Materiale utilizzato
Motorino per girarrosti*
Pannelli di legno
Asta cava in acciaio inox, diametro 10 mm, lunga 10 cm.
Asta filettata in acciaio inox, diametro 8 mm, lunghezza in base alla pentola.
Trapano
Punte in cobalto con diametro: 1 mm, 1,5 mm, 8 mm
Spina elettrica due poli
Cavo bipolare
Scatola di derivazione
Bulloni da 8 mm
Rondelle zigrinate da 8 mm
Chiodini da 1,5 mm
Viti e chiodi vari
Cucchiai in acciaio inox


*MOTORINO



La prima cosa che ho fatto è stata quella di costruire il supporto per il motorino.
Ho tagliato un asse orizzontale e due verticali con forma a T più piccoli.
Le due T devono avere la parte stretta che si innesti nelle maniglie della pentola e la parte più larga che appoggi sulla maniglia stessa (vedi foto).
Poi ho inchiodato l'asse orizzontale sui due pezzi a T.



A questo punto ho fatto 3 fori nell'asse orizzontale: uno al centro per farci passare l'asta cava in inox e due in corrispondenza dei fori già presenti sul motorino del girarrosto per farci passare le due viti che bloccheranno il motorino.
Per fortuna quest'ultimo ha già tanti fori per avvitarci le corrispettive viti. Io ho scelto solo due posizioni diagonali e il motorino non si è più mosso.



Poi sono passato al motorino. Prendete l'asta cava in inox da 10 mm. Spingete l'asta cava dentro l'albero maestro del motorino (si conficcherà con un po' di fatica pertanto usate del lubrificante per facitilitare l'operazione). Dovreste riuscire a spingerla fino al fondo. Per fondo intendo il punto in cui termina il mezzo cilindro dell'albero del motorino, che diventa poi un cilindro completo (vedi freccia rossa).




Bisogna praticare un foro sia nell'asta cava che nell'albero del motorino. Per farlo dovete munirvi di pazienza perchè la difficoltà sta sia nel bucare l'acciaio, sia riuscire ad iniziare il foro (all'inizio la punta del trapano scivola via). Vi consiglio di posizionarvi bene su un piano. Usate chiodino e martello per scalfire la superficie dell'asta in modo da fare un piccolissimo solco su cui appoggerete la punta (così non scappa via). Dovete fare il foro in modo che passi la parte più sottile dell'albero, ovvero forare in corrispondenza della croce verde nel disegno.
La punta da usare è quella 1,5 mm in cobalto. Montatela bene sul trapano (deve essere perfettamente diritta, ben fissata). Iniziate a forare andando piano (basso numero di giri) con il trapano. Se andate troppo veloce non bucate nulla. Fermatevi ogni tanto per lasciare raffreddare la punta.
Potete provare sia a passare contemporaneamente asta cava e albero del motorino, oppure trapassare la prima parte dell'asta, scalfire poi la superficie dell'albero (per farci il segno), togliere l'asta dall'albero e bucarle separatamente (io ho fatto con quest'ultimo modo).

Se tutto va bene, il risultato sarà questo:





Prendete a questo punto la barra filettata da 8 mm e inseritela dentro l'asta cava da 10 mm, fino al fondo (toccherà l'albero del motorino). Dovete anche qui fare un foro sia nell'asta cava sia nella barra filettata (sempre in corrispondenza). Stessi consigli già detti prima.

Ora non fissate nulla, ma vi anticipo che per bloccare l'asta cava, la barra filettata e l'albero, dovrete usare due chiodini da 1,5 mm di diametro. Fateli passare da una parte all'altra dei due fori e poi piegateli su se stessi.


Costruzione delle pale

Questo è stato il punto che mi ha fatto maggiormente disperare. Non trovavo il materiale. Se avete fortuna, cercate della lamine in acciaio inox (abbastanza spesse da non piegarsi quando dovranno smuovere la miscela acqua grani) e adattatele alla grandezza della pentola.
Io ho optato per delle posate in acciaio inox, in particolare dei cucchiai. E' una soluzione poco elegante, ma efficace (oltre che poco costosa).
Prendete il cucchiaio e praticate un foro sulla base. Il foro deve essere di 8 mm e serve per farci passare il cucchiaio nella barra filettata. A questo proposito dovete tener conto che il foro dovrà essere fatto in modo tale che il cucchiaio girando non vada a toccare i bordi della pentola, quindi prima di praticarlo, dovete presentare il tutto sulla pentola e segnarvi il punto esatto in cui bucare.
Per bucare io prima ho usato la punta da 1,5 mm, poi quella da 6 mm ed infine ho allargato con quella da 8 mm.
Fatelo per tutti i cucchiai previsti per la vostra pentola motorizzata.


Ora bisogna piegare metà del cucchiaio di 90° rispetto alla base. Per far questo fissate su una morsa la base del cucchiaio. Scaldate sul fuoco la parte centrale del cucchiaio. Quando è bello caldo, usate una pinza per piegare il cucchiaio di 90°.




Per fissare i cucchiai vi basterà usare due bulloni e due rondelle zigrinate da 8 mm. Mettere il primo bullone, seguito dalla rondella, seguita dal cucchiaio, seguita dalla seconda rondella ed infine dal secondo bullone. Stringete bene all'altezza desiderata.






Ora costruitevi la spina con il cavo bipolare. A questo proposito vi consiglio di consultare la guida che ho scritto sulla camera di fermentazione.

Collegate i due fili del cavo bipolare sul motorino (posizioni evidenziate in figura).




Fissate con il chiodino l'albero, la barra e l'asta (vedi prima). Bloccate il motorino sulla base di legno, racchiudetelo nella scatola di derivazione e il gioco è fatto.

VIDEO ILLUSTRATIVI






SCARICA LA GUIDA IN PDF

3 commenti:

  1. Ottimi dettagli, bravo.
    Volevo solo chiederti se la barra filettata bisogna fissarla sul fondo oppure no. Non credo, però ho il dubbio che non sia ben equilibrata e che cominci a vibrare roteando disassata.

    RispondiElimina
  2. Ciao e grazie :)

    Per fondo intendi quello della pentola o dell'albero maestro?

    La mia idea iniziale era quella di farle toccare il fondo (quindi contro l'albero). In questo modo sarebbe stato più facile far combaciare i due fori. Poi per poca precisione (millimetrica) alla fine non tocca, ma effettivamente è un bene. Risulta solo un po' più scomodo quando tolgo e rimetto la barra filettata centrare i due buchi.

    Invece se ti riferisci al fondo della pentola: no. La mia non tocca anche perchè farebbe altra resistenza. Purtroppo come hai ben detto, non è equilibrata, ma non dà problemi. L'importante è che la barra e il tubo cavo siano diritti.

    Paolo

    RispondiElimina
  3. Bene, mi hai tolto un dubbio!
    Ad maiora!

    Angelo

    RispondiElimina